top of page

Resta aggiornato su tutte le Opportunità con la Cina e con il Cinese

Ufficio Acquisti: colloqui per lavorare col Cinese

#1 Suggerimenti


GESTIONE ACQUISTI ... QUANDO LA LINGUA CINESE E' SOLO UN PLUS!


Oggi quasi tutte le aziende che propongono sul nostro mercato beni di largo consumo importano dalla Cina un semilavorato o spesso il prodotto finito vero e proprio, limitandosi a distribuirlo nel nostro Paese con il loro marchio. Per questo motivo, molte sono le Job Offer connesse all'operazione di gestione fornitori cinesi, gestione acquisiti dalla Cina. Eppure, sembra controintuitivo, la conoscenza della Lingua Cinese per occupare la posizione resta solo un plus. Cerchiamo di capire perché, calandoci nella realtà, e comprendere come far valere la nostra conoscenza della Lingua Cinese.


Ecco in breve cosa accade alla relazione tra il nostro imprenditore e un fornitore cinese in un periodo medio che va dai 3 ai 6 mesi


Fase 1 - L'impresa cerca il prodotto giusto

Le fiere e i siti internet dove trovare il prodotto e quindi incontrare il fornitore sono ormai a portata di tutti. L'imprenditore conosce il prodotto meglio di noi. Il nostro imprenditore e il fornitore cinese se la caveranno con l'inglese di base e una calcolatrice per stabilire il prezzo del prodotto. Quindi la Lingua Cinese a cosa serve? Serve per le fasi successive, quelle che lo spirito da commerciante del nostro imprenditore spesso trascura! Ed ecco che arriva il nostro turno ...

Fase 2 - Impresa e fornitore cominciano a lavorare insieme

Il nostro imprenditore chiederà una personalizzazione del prodotto, o dei tempi di consegna stringenti o che il fornitore si attenga a determinati parametri tecnici che il fornitore aveva precedentemente promesso. Ed ecco che, all'improvviso, il fornitore sembra non capire più tanto bene l'inglese ...

Ma soprattutto, potremmo scoprire che il fornitore non era proprio un fornitore, ovvero un produttore, ma una trading, ovvero un'azienda cinese che compra prodotti i Cina per poi rivenderli ad aziende straniere.

Fase 3 - Completata la produzione in Cina comincia la fase esportazione verso Europa

Sono passati vari mesi, e qualche calcolo renale...

E il nostro imprenditore scoprirà una di queste belle sorprese

A - La produzione non è mai avvenuta perché l'azienda cinese era inesistente e il nostro imprenditore aveva fino a quel momento interloquito con dei truffatori

B - La produzione non risulta totalmente rispondente a quanto pattuito

C - I documenti doganali sono errati e la dogana confisca il container e sequestra il materiale

D - Un santo dal paradiso ha interceduto a favore del nostro imprenditore ... sperando che anche la prossima volta abbia quest'occhio di riguardo

In tutti questi casi, accordi verbali, email, o contratti in inglese, sono solo carta straccia.


Quindi, noi che parliamo cinese, a cosa serviamo?

1 Selezionare il fornitore in base a visura camerale, licenze, stabilimento industriale, anni di attività, capitale sociale, numero di dipendenti. Tutte informazioni che puoi controllare in Lingua cinese reperendole nei database degli organi competenti. Non lo sai fare? Male, molto male.


2 Analizzare i codici doganali per prevedere l'incidenza del dazio e soprattutto conoscere nel dettaglio la documentazione che il fornitore dovrà produrre per evitare che la dogana europea blocchi il carico e ci invii una bella multa o peggio ancora ci arrivi un avviso di garanzia. In questo modo eviteremo di interloquire col fornitore sbagliato.


3 Gestire una campionatura tra le parti riportando i parametri tecnici in Lingua cinese su un accordo scritto, in lingua cinese, che rispetti la legislazione cinese e possa avere un minimo di utilità in caso di non conformità della produzione.


4 Collaborare con lo spedizioniere per assicurarsi che il carico in Cina sia stato prelevato e ci sia una nave che lo attende per salpare in tempo. E se sei sotto al capodanno cinese, sarà il tuo primo pensiero al mattino e l'ultimo prima di andare a dormire.


5 Gestire altre problematiche eventuali che non rappresentano un dolo ma nel mondo reale avvengono, perché siamo umani.


6 Gestire altri fornitori per diversificare le produzioni, diminuire i rischi, evitare di essere sotto scacco, accrescere forza contrattuale, determinare diminuzione dei prezzi di ogni fornitore gestito.


E non provare a propinare a un imprenditore la favoletta della Lingua Cinese, della Business etiquette e delle guanxi ... la sente girare da prima che tu nascessi!


È comprensibile che all'università certe cose non le hai imparate, ma un'azienda cerca gente formata e pronta a lavorare. Un imprenditore non è una balia. Nessuno ha il tempo di insegnarti nulla se ti mancano le basi. Quindi è il momento di colmare il Gap prima di sprecare l'opportunità di un colloquio di lavoro. Ecco come acquisire in 50 minuti le basi della gestione fornitori


STAY TUNED PER I PROSSIMI CONSIGLI

Proudly working with

lf.jpg
Confucio.png
cds.png
fbn.jpg
IIS.png
sm.png
itt.png
JJ.png
dsg.jpg
Logo-PortaleCinaFullHD-transaprent - Copia_edited_edited.jpg
index.jpg
Logo_edited.jpg
bottom of page